Le criticità di “Mos Maiorum”

Mos Maiorum: è questo il nome dell’operazione che dal 13 al 26 ottobre ha visto impegnati 18.000 poliziotti di tutti gli Stati membri UE sotto il coordinamento del Ministero degli Interni italiano.
Scopo dell’operazione è stato quello di “prevenire l’attraversamento illegale dei confini” e di identificare il maggior numero di migranti senza regolari documenti di ingresso e di soggiorno. Come? Rafforzando i controlli ai valichi di terra e portuali, negli aeroporti e nelle stazioni ferroviarie.

Rispetto ad altri stati, come per esempio la Turchia, la Giordania ed il Libano, l’Unione Europea ha accolto una frazione assai modesta delle persone che sono costrette a fuggire dalle proprie case.
Inoltre in Europa molti potenziali richiedenti asilo sono costretti a movimenti secondari, attraverso canali irregolari: questo allo scopo di presentare la loro istanza di protezione internazionale in paesi nei quali esistono procedure più rapide e standard di accoglienza più elevati, o nei quali si trovano già insediati loro parenti.

Queste persone rischiano di essere le prime vittime dell’operazione di polizia che, nei propositi del Consiglio Europeo, si propone appunto di contrastare “l’attraversamento illegale dei confini”, per “indebolire la capacità organizzativa del crimine organizzato nel favoreggiamento dell’immigrazione illegale”.

Risultato: una grave criminalizzazione di persone trovate senza regolari documenti di ingresso e soggiorno e l’estensione ai potenziali richiedenti asilo di misure limitative della libertà personale come il trattenimento nei centri di detenzione amministrativa.
L’operazione MOS MAIORUM potrebbe inoltre costringere i migranti a rivolgersi con urgenza ancora maggiore ai trafficanti di terra, con la conseguenza di rafforzare ulteriormente le reti criminali che a parole ci si prefigge di combattere.

Essendo contrari a questa operazione di polizia, ci si è impegnati a fornire ai i migranti una corretta informazione su:
la possibilità di presentare domanda di protezione internazionale in ogni momento, anche a voce;
la possibilità di presentare una seconda domanda di protezione internazionale nel caso in cui, nel paese in cui si è presentata per la prima volta, la condizioni di vita violavano i diritti del richiedente asilo;
il diritto di difesa e di ricorso contro le decisioni di diniego;
il divieto di essere respinti alla frontiera se si ha un parente cittadino europeo.

Se vuoi approfondire:

http://www.meltingpot.org/Mos-Maiorum-Triton-dopo-il-3-ottobre-i-migranti-tornano.html#.VE-pGPmG9r0

http://www.meltingpot.org/Ius-Migrandi-vs-Mos-Maiorum-L-Europa-oltre-l-Europa-e-tutta.html#.VE-pLfmG9r0

Se vuoi leggere la presentazione ufficiale di Mos Maiorum:

http://italia2014.eu/it/news/post/ottobre/mos-maiorum/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...