Solo il mare lo sa

Ciao! Mi chiamo Alagie (il mio nome si pronuncia Alàji).

Sono maggiorenne, ho 18 anni.

Sono nato in Gambia, a Dippa Kunda, vicino a Serekunda. In Gambia ci sono tante città che finiscono in “Kunda”, perché in mandinka significa “centro abitato”.

Ho frequentato solo la scuola elementare perché in famiglia non avevamo molti soldi.

I miei genitori non sono gambiani: provengono dalla Sierra Leone e prima che io nascessi si sono rifugiati in Gambia per fuggire dal conflitto scoppiato nel loro paese. Mio padre esportava cereali, ma a causa di problemi di salute morì quando io ero bambino. Mia madre allora ha cominciato a vendere frutta al mercato per mantenere me e mia sorella.

Mi manca mia sorella, ha 16 anni e mi somiglia. E’ uguale a me, solo che ha i capelli!

Dopo la morte di mia madre, io e mia sorella non potevamo più vivere in tranquillità, essendo figli di rifugiati e senza genitori: non avevamo libertà né possibilità.

Abbiamo deciso di scappare, ma siamo riusciti a trovare i soldi solo per uno di noi. I soldi per il viaggio me li ha dati l’allenatore della squadra di calcio in cui giocavo. Sono partito con mio cugino, che io chiamo fratello, e abbiamo attraversato in poco tempo Senegal, Mali, Burkina Faso e Niger fino ad arrivare in Libia.

Mi sono fermato solo quando i soldi erano finiti, per lavorare e guadagnare il necessario per proseguire.

In Libia ho rischiato di andare in prigione più volte: mentre sei su un mezzo di trasporto i libici ti fermano, e puntandoti le pistole ti chiedono denaro. Io sono riuscito più volte a scappare. Spostarsi era un problema. Vivevamo la maggior parte del tempo ammassati in piccoli compound per non rischiare, stando in strada, di essere attaccati, derubati o uccisi.

Conosco il mestiere di sartoria e sono andato in capitale per cercare lavoro. L’unico che ho trovato è stato in un lavaggio auto, e lì ho lavorato tre mesi finché ho accumulato il denaro sufficiente per ripartire. Volevo raggiungere l’Italia. Avevo visto cose belle alla televisione, e per me l’Italia corrispondeva alla salvezza.

Sulla barca eravamo tantissimi. Mi è capitato un posto nella stiva. Si soffocava lì dentro. Eravamo soprattutto uomini dell’Africa occidentale. Gli unici con donne e bambini erano i siriani. Durante i tre giorni di viaggio, in pessime condizioni, tante persone hanno avuto delle liti. Il secondo giorno tutti hanno cominciato a gridare e lamentarsi.

Quello che succede sui barconi solo il mare lo sa.

Quando ho visto le luci delle navi italiane non mi sembrava vero.

In Italia sono stato salvato e portato ad Alessandria. Qui vado a scuola e faccio volontariato al canile della città: pulisco le cucce, gioco con i cani e li nutro. In Gambia avevo due cani, il mio preferito era di colore marrone e si chiamava Whiskey.

Vorrei restare qui, si è al sicuro e c’è la pace.
La gente mi sorride e al parco i ragazzi ormai mi conoscono e mi salutano dicendomi “ehi fratello!”

Leggi anche: Al Haji e gli amici a quattro zampe

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...